“Siamo andati con ragazzi, mamme e amici. Bella liturgia con bellissimi canti… A seguire, tutti in teatro con un buffet molto ricco e gradito dai ragazzi e dalle mamme e una bellissima torta. Il tutto condito con molti gesti di attenzione per Fede e Luce e per i nostri ragazzi. Ci hanno accolti con entusiasmo, coccolati e fatto molta compagnia.”

Questa la testimonianza della comunità La Vigna di Napoli, che ha accettato con entusiasmo l’invito ai festeggiamenti per i 50 anni della Comunità di Sant’Egidio a Scampia, dove domenica 27 maggio si è tenuta una liturgia eucaristica presieduta da Mons. Gennaro Acampa.

Presente in tutti i continenti, con oltre 60 mila persone di tutte le età e condizioni sociali, la Comunità di Sant’Egidio il 7 febbraio del 2018 ha compiuto 50 anni e guarda al futuro e all’impegno che l’attende in un mondo globalizzato ma sempre più privo di riferimenti. “Siamo contenti di avere scoperto in questi anni, insieme a tante persone nel mondo, la gioia del Vangelo”, ha dichiarato il presidente della Comunità, Marco Impagliazzo.
Con un nome scelto negli anni Settanta dal luogo dove aveva trovato una casa, a Sant’Egidio, nel cuore di Trastevere, è partita un’avventura che ha portato la Comunità nelle periferie umane ed esistenziali dei diversi continenti, dall’impegno tra i poveri di ogni condizione (senza dimora, anziani soli, bambini di strada in Africa e in America Latina, minori che crescono alle Scuole della Pace) fino ai programmi per la cura dell’Aids e la registrazione anagrafica (con i progetti Dream e Bravo!), dal dialogo interreligioso secondo lo “spirito di Assisi” al lavoro per la pace.

Fede e Luce si unisce alle celebrazioni del cinquantenario e fa i migliori auguri alla Comunità di Sant’Egidio per il suo incessante impegno a raggiungere e sostenere i più fragili.

Fonte: santegidio.org