Si è celebrata il 2 febbraio 2021 in occasione della ricorrenza cristiana della Festa della Candelora la “Festa della Luce” delle comunità siciliane di Fede e Luce.

«La Candelora è una festa adottata dal movimento e che si celebra in tutto il mondo. È il giorno in cui il vecchio Simeone ha indicato il Bambino Gesù come “la luce del mondo che illuminerà tutte le nazioni”, annunciando anche che una spada avrebbe trafitto il cuore di Maria, quella stessa spada che ferisce tanti genitori all’annuncio dell’handicap del figlio. Oggi, tutti vogliono rispondere all’appello di Gesù, Luce dei nostri cuori: “Sono venuto a portare il fuoco sulla terra: e come vorrei che si diffondesse”.» Tratto da Mai Più Soli.

Distanti ma vicini questo il titolo dell’incontro regionale in modalità a “distanza” che ha visto partecipe i rappresentanti di tutte le comunità siciliane di Mazara, Salemi, Palermo, Corleone e Messina.
Un incontro voluto e organizzato dall’equipe regionale coordinata dal vicecoordinatore della Provincia Mari e Vulcani per la Sicilia Alberto ALAGNA, per far sentire la presenza, anche se a distanza, ai ragazzi, alle famiglie e agli amici che in questo periodo stanno soffrendo il distacco dalle comunità imposto dall’emergenza sanitaria Covid-19.

Ospiti dell’incontro sono stati Vito Giannulo, Coordinatore della Provincia Mari e Vulcani, e Angela Grassi, vicecoordinatrice Internazionale del movimento.

«Sono molto felice ed emozionato a vedere tante persone collegate – ha detto il Coordinatore Provinciale Vito – sto vedendo tanta gioia e una corrente elettrica d’amore fortissima che neanche la pandemia riesce a interrompere. Questo mi fa ben sperare che questa nostra “luce”, risplenderà sempre più viva appena saremo fuori da questa pandemia. Gesù oggi ci ha fatto un regalo, il regalo di un rinnovato entusiasmo che ho visto in tante comunità. Non fermiamoci, ce la faremo».

La vicecoordinatrice Internazionale per l’Italia Angela ha detto:

«Sono contentissima di essere qui stasera in mezzo a voi, ho portato con me una candela accesa per ricordarci di continuare noi ad essere “luce” viva e che questa pandemia non ci sta spegnendo. Abbiamo tanta voglia di stare insieme anche in questa modalità a distanza con Gesù che ci fa compagnia».

Durante l’incontro ogni comunità ha condiviso il proprio lavoro realizzato appunto in occasione di questa festa. Una festa che non ha bisogno di essere commentata ma basta dire che i partecipanti non vedono l’ora di rivedersi ancona una volta tutti insieme.

La Festa si è conclusa con la lettura della preghiera di Fede e Luce e la benedizione da parte di Don Vittorio assistente della Comunità Madonna della Divina Provvidenza di Palermo.

“Conducimi tu, luce gentile, conducimi nel buio che mi stringe,
la notte è scura la casa è lontana, conducimi tu, luce gentile.”

Il Vice Coordinatore Provinciale
Alberto Alagna

Accorcia la distanza e aumenta l'amicizia

Fede e Luce - 5x1000

96000680585 è il codice fiscale da riportare sulla tua dichiarazione dei redditi, nel riquadro dedicato alle onlus.

Ti potrebbero interessare

Nuovi inizi nella provincia Mari e Vulcani

Nuovi inizi nella provincia Mari e Vulcani

Edelweiss (Messina) La comunità Edelweiss di Messina si è incontrata il 13 novembre per l'apertura del nuovo anno con i nuovi coordinatori Carlo Gazzano e Pippo Aricò. "La strada della gioia e della conoscenza" il tema dell'incontro, come suggerito dal Carnet 2023....

Maria SS. della Madia: tra mare e tradizione

Maria SS. della Madia: tra mare e tradizione

La comunità Maria Santissima della Madia ha ripreso le attività alla grande: dopo una prima domenica in cui abbiamo seguito i suggerimenti del Carnet de Route e rappresentato il mimo del passo del Vangelo di Luca “I dieci lebbrosi”, il 30 ottobre, durante...

Nuove facce e vecchie abitudini

Nuove facce e vecchie abitudini

Sabato 29 ottobre ci siamo trovati in oratorio San Giustino a Cesano Boscone per l'incontro mensile e la classica pizzata. Per la prima volta hanno partecipato due ragazze Arianna e Veronica della pastorale giovani per conoscere il nostro gruppo. Sono venute...