“Camminiamo nella luce”, la festa delle comunità della Sicilia

Domenica 5 febbraio tutte le comunità siciliane si sono riunite a Palermo per festeggiare la Festa della Luce

Festa della Luce 2023 in Sicilia (Palermo)

Si è celebrata domenica 5 febbraio 2023 presso l’Istituto Don Orione di Palermo la Festa della Luce delle comunità siciliane del Movimento Fede e Luce Onlus.

Accolti a braccia aperte dalla comunità Madonna della Divina Provvidenza di Palermo le comunità siciliane di Corleone, Mazara, Salemi e Messina si sono finalmente incontrati per celebrare la propria festa. “Camminiamo nella luce” è stata organizzata dall’equipe regionale coordinata dal Vicecoordinatore della Provincia Mari e Vulcani per la Sicilia Alberto Alegna. La festa è iniziata con un momento che ha percorso la storia di ogni comunità iniziando con la prima nata a Mazara del Vallo, Seme di Speranza, che ha mosso i primi passi nel 1983, e concludendo con l’ultima nata a Salemi, Arcobaleno nel 2008.

Si sono ricordati, a similitudine di come richiesto per Natale dai tre Coordinatori Provinciali, tre momenti belli che sono stati immortalati dalle comunità durante il proprio cammino. Pellegrinaggi, campi, incontri di formazione, giubilei, recite, sacramenti ricevuti dai ragazzi, sono i momenti che le comunità hanno descritto come indimenticabili. Dopo la storia delle comunità si è percorso anche la storia della nascita della regione Sicilia avvenuta il 30 Aprile 1996. Il primo Incontro Regionale è stato vissuto a San Martino delle Scale (PA) dal 1 al 4 maggio 1997.

In seguito le comunità hanno partecipato alla Celebrazione Eucaristica officiata da don Giovanni nella chiesa Madonna della Divina Provvidenza durante la quale la comunità Piccoli di Gesù di Corleone ha mimato il brano del vangelo. Dopo aver condiviso il pranzo i coordinatori di comunità hanno simbolicamente dato il mandato alle nostre giovani ragazze, Maria Grazia e Luna, della comunità Edelweiss di Messina, che parteciperanno alla formazione giovani durante la prossima Assemblea Nazionale a Padova, consegnando loro il cero acceso in rappresentanza della Regione.

Un momento particolare è stato quando la nostra cara amica Enza Gucciardo, rimasta a casa per problemi di salute, ci ha fatto pervenire un pensiero per i genitori dei nostri ragazzi. «Da tempo, da qualche mese, porto dentro un pensiero speciale per i genitori – dice Enza –, i genitori di Fede e Luce ma anche i genitori che all’improvviso comprendono che il loro figlio non crescerà nella stessa maniera degli altri bambini… Questo pensiero è nato in particolare ascoltando Maria, mamma in Fede e Luce, che fra le lacrime diceva “a volte la guardo seduta lì e soffro. ‘Cosa penserà?’ mi chiedo. E soffro”. L’ altra sera mi sono ritrovata, verso le 23:00 al ritorno da un viaggio in Puglia, in autostrada immersa nel buio della notte. La luna doveva essere del tutto vuota. Ad un tratto un pezzo di asfalto appena spalmato sulla vecchia base. Ho perso i riferimenti. L’asfalto era scuro come la notte. Eppure la corsia sembrava più ampia… mancavano le strisce!?! Era più ampia! Ma io avevo perso i riferimenti. Poi, per fortuna, di nuovo l’asfalto già battuto, già vissuto, già percorso e perciò meno scuro e… quei trattini bianchi, quei meravigliosi trattini bianchi che mi indicavano la direzione. Negli ulteriori passaggi che si susseguirono in autostrada continuavo a pensare al buio improvviso dei genitori di fronte ad una situazione così nuova… al loro smarrimento… e pensavo all’importanza di quei piccoli, insignificanti trattini bianchi dipinti sull’asfalto. Pensavo che a volte basta un trattino bianco per procedere con più serenità. Solo un trattino» conclude Enza.

Eh sì, a volte basta un “piccolo trattino bianco” per ridarci la speranza che la strada che stiamo percorrendo sia quella giusta. Un piccolo trattino pieno di luce che ci illumina nel buio delle tenebre. E noi amici di Fede e Luce vogliamo essere proprio quel trattino di luce, quel poco che basta per dare speranza e serenità ai nostri ragazzi e alle nostre famiglie.

È stata una festa caratterizzata dai bei ricordi che amici, ragazzi e famiglie si sono scambiati, si percepiva il bisogno di rivivere ancora quei momenti. La voglia di ritornare a incontrarsi è viva in tutte le comunità. Doverosi sono i ringraziamenti alla comunità di Palermo, ai coordinatori Claudia e Michele, all’assistente spirituale don Mimmo Napoli per l’eccellente accoglienza ma anche ai coordinatori Carlo e Pippo di Edelweiss, Francesca di I Piccoli di Gesù, Paolo di Arcobaleno, Enza di Seme di Speranza e alla comunità Nuovo Germoglio che mi ha supportato durante i preparativi dell’evento.

La festa si è conclusa con la consegna dell’invio a tutti i partecipanti, preparato dalle comunità di Mazara del Vallo, rappresentante un tratto di strada illuminata dalla luce di una candela accompagnata dal pensiero tratto dalla lettera di 1Gv. 1,5-7:

“Dio è luce e in lui non c’è tenebra alcuna. Se camminiamo nella luce, come egli è nella luce, siamo in comunione gli uni con gli altri, e il sangue di Gesù, il Figlio suo, ci purifica da ogni peccato.”

Alberto Alagna
Vicecoordinatore per la Sicilia

Accorcia la distanza e aumenta l'amicizia

Fede e Luce - 5x1000

96000680585 è il codice fiscale da riportare sulla tua dichiarazione dei redditi, nel riquadro dedicato alle onlus.

Ti potrebbero interessare

Scintille

Scintille

È sempre stato il mio sogno fare una omelia, non vi addormentate, non vorrei fosse l’ultima.Vi vorrei raccontare qual è stata la mia prima...